home   chi siamo  |   dove siamo  |   servizi  |   news  |   mappa del sito  |   contattaci  |   Privacy  |  
« 1 2 3 (4) 5 6 7 ... 26 »
AMBIENTE : NUOVE DISPOSIZIONI PER LA COMMERCIALIZZAZIONE DELLE BORSE DI PLASTICA
 Inviato da csa il 5/1/2018 16:50:00 (548 letture)


Dal 1 gennaio 2018 è in vigore per tutti, grande distribuzione e piccoli negozi, l’obbligo di utilizzo di buste in plastica biodegradabili e compostabili al posto dei sacchetti di plastica leggeri e ultraleggeri utilizzati fino alla fine del 2017.

La nuova disciplina, introdotta dalla conversione del cosiddetto "Decreto crescita mezzogiorno", abroga così le disposizioni precedenti sulla commercializzazione delle borse di plastica (tutte quelle realizzate con polimeri, con o senza manici, fornite ai consumatori per il trasporto di merci o prodotti) e si pone l’obiettivo di disincentivarne l’uso da parte dei consumatori a maggiore tutela e salvaguardia dell’ambiente. I nuovi sacchetti, infatti, dovranno essere fatti pagare al cliente ed il loro prezzo di vendita dovrà risultare dallo scontrino o dalla fattura dei prodotti trasportati. La normativa nulla dice rispetto al prezzo di vendita, un prezzo congruo è comunque stimabile tra 1 e 3 centesimi. Gli esercizi dovranno pertanto aggiornare i registratori di cassa con questa nuova voce.
Sono interessate dalle novità:
- le attività di produzione delle borse di plastica, che dovranno essere prodotte secondo la normativa vigente;
- le attività di commercio all’ingrosso e/o all’utente finale che dovranno accertarsi di fornire borse in plastica
conformi;
- le attività artigianali/industriali con vendita al cliente di merci e prodotti per le quali riteniamo prudenzialmente che,se forniscono anche le borse per il trasporto dei beni, dovranno accertarsi di fornire borse in plastica conformi.

Leggi tutto... | altri 3779 bytes
AMBIENTE : SCADENZE TARI MESE DI GENNAIO 2018 COMUNI DI LAMPORECCHIO (20 GENNAIO), CHIESINA UZZANESE, CERRETO GUIDI, VINCI.
Inviato da csa il 28/12/2017 14:52:45 (392 letture)

Domanda di esclusione/riduzione per produzione di rifiuti non conferibili al servizio pubblico (speciali non assimilabili). La legge di istituzione della Tari esclude dal tributo le superfici ove si producono rifiuti speciali non assimilati che l'impresa provvede a gestire autonomamente con imprese terze autorizzate. Invitiamo pertanto alla puntuale verifica delle superfici ad oggi assoggettate e nel caso alla presentazione tempestiva della domanda di riduzione relativa alla TARI 2017 (in caso di accettazione rimborso/conguaglio di quanto già pagato). 

ATTENZIONE:
Le aziende che hanno già provveduto alla presentazione della domanda di riduzione per l'anno 2016, devono ripresentarla anche per l'anno 2017 per poter continuare a beneficiare della riduzione/ esclusione della superficie.

AMBIENTE : SISTRI: ANCORA UNA PROROGA AL 31 DICEMBRE 2018 MA NON SUL PAGAMENTO DEL DIRITTO
Inviato da csa il 28/12/2017 14:50:00 (519 letture)


Con la legge di Bilancio 2018 arriva la proroga, al 2019, per la piena entrata in vigore del SISTRI per la tracciabilità dei rifiuti pericolosi. Il rinvio si è reso necessario per dare maggiore certezza alle imprese del settore in attesa della decisione del TAR sul ricorso presentato contro l'affidamento in concessione del servizio. In particolare, viene prorogato di un altro anno sia il “doppio binario”, il periodo in cui continuano ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi relativi alla gestione dei rifiuti antecedenti alla disciplina del SISTRI con vigenza solo delle sanzioni previste per gli adempimenti cartacei (Registro, FIR e MUD scadenza 30 Aprile) , sia la moratoria delle nuove sanzioni, nonché il termine finale di efficacia del contratto con la società concessionaria del sistema.

Leggi tutto... | altri 1992 bytes
AMBIENTE : ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI: RESPONSABILE TECNICO REQUISITI PER LO SVOLGIMENTO DELLA FUNZIONE DOPO ENTRATA IN VIGORE DELLA DELIBERA 6 DEL 30/05/2017
Inviato da csa il 13/10/2017 18:42:16 (635 letture)

Come avevamo precedentemente annunciato dal 16/10/2017 entrerà in vigore la delibere 6 del 30/05/2017. La suddetta data rappresenta anche il limite temporale in base al quale gli RT in carica al 16 ottobre potranno continuare a svolgere la propria attività in regime transitorio con le modalità e tempistiche previste dalla delibera. Nello stesso tempo sono uscite sul sito internet dell'Albo Gestori Ambientali le domande dalle quali verranno estratte quelle previste per la verifica che verrà effettuata con le modalità previste dalla delibera 7 del 30/05/2017.
E' importante anche ribadire che i RT già nominati al 16/10/2017 possono provvedere alla regolarizzazione della loro posizione effettuando le verifiche previste entro il 16/10/2022.
Sono inoltre dispensati quei Legali Rappresentanti che svolgono anche l'incarico di Responsabile Tecnico se viene dimostrata l'esperienza nel settore di attività per 20 anni.
Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti in merito.

AMBIENTE : TERRA E ROCCE DA SCAVO DPR 13 GIUGNO 2017 n°120
Inviato da csa il 13/10/2017 18:34:00 (389 letture)

E' stato pubblicato in Gazzetta ufficiale del 7 Agosto 2017 ed è entrato in vigore a fine Agosto.
Il regolamento contiene nuove disposizioni per il riordino e la semplificazione della gestione delle terre e rocce da scavo.
Il regolamento, riguarda:
La gestione delle terre e rocce da scavo qualificate come sottoprodotti ai sensi dell’art. 184-bis del D.Lgs.152/06, provenienti da cantieri:
Di piccole dimensioni (fino a 6.000 mc di terre);Di grandi dimensioni (oltre i 6.000 mc di terre), con disposizioni specifiche se assoggettati a VIA o AIA;Il deposito temporaneo, ai sensi dell’art. 183 co.1 lettera bb) del D.Lgs.152/06, di terre e rocce qualificate come rifiuti;L’utilizzo nello stesso sito di produzione di terre e rocce escluse dalla normativa sui rifiuti;La gestione di terre e rocce da scavo all’interno di siti oggetto di bonifica. Vengono in buona parte riprese le modalità operative del D.M. 161/2012, che viene abrogato.

Leggi tutto... | altri 2599 bytes
« 1 2 3 (4) 5 6 7 ... 26 »
CSA S.C.R.L.- capitale sociale € 35.000 - sede legale: Via Enrico Fermi 1/a int. 22 - 51100 Pistoia (PT)
Tel. 0573 921280 - Fax 0573 531485 - Codice Fiscale e Partita IVA 01821810478 - n° REA 182426

PRIVACY